La purezza assoluta ha un ruolo fondamentale.

Noi sappiamo come ottenerla.

Estetica &
medicale

Proteggi i pazienti, il personale e te stesso durante i trattamenti laser:

La nostra tecnologia di aspirazione e abbatte le particelle e fumi laser dannosi, di ridurre al minimo il rischio di infezioni e di garantire un’aria ambiente pulita, in conformità con le normative delle associazioni di assicurazione per la responsabilità civile dei datori di lavoro.

Vimeo

Caricando il video, l'utente accetta l'informativa sulla privacy di Vimeo.
Scopri di più

Carica il video

Testimonial Dr. Hahn

Il Dott. Helmut Hahn è dermatologo, partner del Centro dermatologico Skin & Laser di Berchtesgaden in Germania e presidente del DDL (Congresso tedesco di dermatologia). Nel video, spiega perché le Associazioni Professionali richiedono l’uso di sistemi di aspirazione per proteggere da particelle sospese nell’aria.

Approfondimenti

Rischi negli studi medico-dermatologici

Lavorando con laser ablativi, vaporizzanti o Q-switched, le particelle cutanee si proiettano nell’aria da impulsi nano o pico-switched. Anche se si bruciano i tessuti in modo convenzionale con un Erbotom si producono fumi e il tessuto cutaneo, spesso affetto da genomi di virus, viene vaporizzato nell’aria e può essere inalato.

In questa materia hai un doppio obbligo, anche nei confronti dei tuoi pazienti. La tutela del consumatore prevede che tu assicuri la massima sicurezza al paziente, in modo da garantire che non subisca alcun danno a seguito del trattamento. I danni possono essere causati non solo da un’errata applicazione del laser, ma anche se il paziente inala o assume sostanze che possono essere cancerogene o infettive. Per questo motivo è estremamente importante prestare la massima attenzione.

Berufsgenossenschaftliche Regeln (norme BG), servono a garantire la sicurezza e la salute sul lavoro. Queste normative (salute e sicurezza sul lavoro, norme antinfortunistiche della BGR-234) hanno lo scopo di sostenere il datore di lavoro nell’attuazione dei suoi doveri di prevenzione degli infortuni sul lavoro, delle malattie professionali o dei pericoli per la salute.

L’associazione per la responsabilità civile dei datori di lavoro sta mostrando un interesse crescente per questo argomento e, in quanto gestore dello studio, sei obbligato a proteggere sia i tuoi dipendenti che te stesso, impedendo l’inalazione dei virus HPV, che a lungo andare possono portare a papillomi o carcinomi laringei. È quindi indispensabile utilizzare un dispositivo di aspirazione.

In qualità di medico, la sicurezza dei pazienti e dei dipendenti è fondamentale. La valutazione dei rischi in conformità con la legge sulla salute e la sicurezza sul lavoro aiuta a identificare i rischi e ad adottare misure di protezione per prevenire danni alla salute e incidenti. Questo aumenta la motivazione e il rendimento dei dipendenti e la qualità del tuo studio. La documentazione fornisce una sicurezza legale. Per una guida e un supporto, visita il sito Valutazione dei rischi nello studio medico (bgw-online.de)

Un estratto della brochure della BG sulla valutazione dei rischi stabilisce che:

“Chirurgia ad alta frequenza o laser:

La chirurgia HF o laser può causare una maggiore esposizione a tessuti corporei vaporizzati o bruciati e a disinfettanti vaporizzati. I fumi possono presentare germi infettivi. Obiettivo della protezione: evitare l’inalazione di fumi e vapori generati durante l’uso di apparecchiature elettrochirurgiche e laser.

Misure T-O-P (selezione)

Tecnica: – Procurare e installare dispositivi conformi alla sicurezza – Utilizzare dispositivi con aspirazione dei fumi – Far revisionare regolarmente i dispositivi da esperti ogni due anni

Organizzative: – Garantire la ventilazione

Personale: – Istruire i dipendenti – Indossare un equipaggiamento protettivo adeguato: – Guanti isolanti – Occhiali di sicurezza – Maschera respiratoria di tipo P 2″.

Per una guida e un supporto, visita il sito “Valutazione dei rischi nella pratica medica (bgw-online.de)” (in tedesco).

A un chirurgo di 44 anni che per anni ha trattato condilomi ano-genitali e afte con un laser Nd:YAG è stata diagnosticata una papillomatosi laringea causata da HPV-6 e 11, senza altre fonti note di contatto con HPV oltre alla sua esposizione professionale. Un’infermiera specializzata in chirurgia di 28 anni ha sviluppato una papillomatosi laringea ricorrente dovuta a un’infezione da HPV dopo aver assistito ripetutamente a interventi chirurgici con laser CO2 ed elettrocauterizzazione su condilomi ano-genitali, che è riconosciuta come una malattia professionale.

Un ginecologo di 62 anni con carcinoma orofaringeo positivo all’HPV-16 aveva oltre 30 anni di esperienza nella rimozione di lesioni cervicali e vulvari con laser CO2 e LEEP e non presentava altri fattori di rischio. Lo stesso studio ha descritto un ginecologo di 53 anni con un carcinoma tonsillare positivo all’HPV-16 che ha eseguito ablazioni laser e LEEP per oltre 20 anni senza un’adeguata ventilazione o misure di protezione; non sono stati identificati altri fattori di rischio.

Il DNA dell’HPV è stato rilevato più volte nei fumi laser durante l’ablazione di papillomi e condilomi, ma la sua infettività non è ancora stata chiaramente dimostrata. Il rischio di esposizione per il personale medico è basso se vengono rispettate le misure di protezione; tuttavia, è significativamente più alto nell’area ginecologica rispetto all’area otorinolaringoiatrica a causa delle masse di tessuto più consistenti da rimuovere.

Fonte: Frauenarzt-0898-0903-FORT_Willems_03.pdf (ag-cpc.de) e Thieme E-Journals – Laryngo-Rhino-Otologie / Abstract (thieme-connect.de)

Tutte le linee direttive in materia di sicurezza e salute sul lavoro, come la TRBA250, la normativa DGUV 109-002 e le associazioni di responsabilità civile dei datori di lavoro, richiedono principalmente l’aspirazione e, come complemento, i DPI = dispositivi di protezione individuale.

Solo un’unità di aspirazione filtrante con filtro HEPA testata in conformità alla norma EN 1822 garantisce una protezione ottimale per i pazienti, il personale medico e i dottori.

Il trattamento laser di tessuti infetti da virus può emanare aerosol con particelle infettive come i virus o i loro genomi.  La sterilizzazione si ottiene solo a temperature elevate, le temperature più basse invece, sono al limite del punto di accesso.

Operando con tessuti e cellule infettate da virus, gli aerosol possono contenere virus integri, come l’HPV nelle verruche, nei condilomi e nei papillomi, o gli adenovirus nel liquido lacrimale durante la chirurgia oftalmica: Diffusi nell’ambiente, possono essere inalati.

Per ridurre al minimo i rischi, per questi trattamenti si dovrebbero utilizzare tecniche di vaporizzazione termica, come il laser Nd:YAG. Le materie plastiche utilizzate nel trattamento possono essere infiammabili. Il PVC produce gas pericolosi come l’HCI. Se questi gas entrano in contatto con le membrane mucose, l’acido cloridrico prodotto può causare ustioni ai tessuti e, se inalato, il collasso degli alveoli. Per proteggere il personale e garantire la sicurezza sono essenziali misure tecniche di protezione come l’uso di apparecchiature laser standard, la corretta aspirazione dei prodotti di combustione, l’uso di filtri a carbone attivo o HEPA e la gestione sicura delle sostanze chimiche.

Fonte: FA Info_005_Laser in der Medizin_151109 (bgetem.de) (In lingua tedesca)

L’esposizione ai trattamenti laser implica una miscela di particelle biologiche e cellulari, che possono anche essere gassose o vaporose. Oltre ai papillomavirus e agli agenti patogeni multiresistenti ai farmaci, i ricercatori hanno rilevato la presenza di benzene, toluene e xilene, cianuro di idrogeno (acido cianidrico), formaldeide, acetaldeide, acroleina, cresoli e fenolo nel fumo del laser. A seconda dell’energia di esposizione, le particelle possono essere più grandi di 200 micron o più piccole di 10 nanometri. Quando il refrigerante spruzzato sulla pelle durante la depilazione laser si brucia, si producono vapori altamente tossici. Il filtro brevettato InLine, un pre-filtro nell’elemento di cattura, fornisce un alto livello di protezione contro queste particelle pericolose.

Fonte: Eickmann U, Falcy M, Fokuhl I, Rüegger M, Bloch M, Merz B. Chirurgische Rauchgase: Gefährdungen und Schutzmaßnahmen. Hrsg: Internationale Sektion der IVSS für die Verhütung von Arbeitsunfällen und Berufskrankheiten im Gesundheitswesen. 2011

L’elemento di cattura di un sistema di aspirazione e filtraggio deve essere adeguato al trattamento. Il filtro brevettato InLine integrato nella parabola di cattura funge da pre-filtro, assorbendo le particelle più grossolane al loro punto di origine e impedendo loro di entrare nel braccio di aspirazione e di raggiungere i filtri del sistema. Ciò riduce al minimo i tempi di pulizia.

L’efficacia del concetto igienico TBH per la rimozione senza residui dei contaminanti nel sistema è stata testata dal laboratorio accreditato CleanControlling Medical GmbH & Co. KG di Emmingen-Liptingen, Germania. Il sistema e i suoi accessori si puliscono efficacemente in pochi e semplici passaggi. Il filtro InLine deve essere sostituito quotidianamente o almeno una volta alla settimana, a seconda della frequenza di utilizzo.

Video: TBH Health series – cleaning instructions on Vimeo

Aree di applicazione

Per un’aspirazione filtrante sicura
Zahntechniker

Odontoiatria

Un sistema di aspirazione orale elimina solo le particelle più grossolane generate dai trattamenti nello studio ortodontico. Un sistema di aspirazione fumi riduce la concentrazione di aerosol nell’ambiente a un livello sicuro.
Laserhaar entfernung

Depilazione

La depilazione con il laser comporta la produzione di fumi, odori sgradevoli di pelle bruciata e gas pericolosi.

Rimozione delle lesioni con il laser

Solo un sistema di aspirazione fumi garantisce che particelle potenzialmente infettive non vengano inalate durante la procedura di rimozione con il laser di lesioni cutanee Melanocitiche benigne.

Ginecologia

Oltre al vapore acqueo, il fumo chirurgico contiene sostanze nocive. L’uso di sostanze coloranti come l’acido acetico o lo iodio per pretrattare l’area chirurgica durante gli interventi ginecologici può produrre acetamide cancerogena, che può accumularsi negli alveoli polmonari.

Testimonianze di clienti

Prof. Nikolai Attard
Prof. Nikolai AttardBChD., MSc. (Protesi dentale), PhD (TO
Leggi Tutto
La pandemia COVID-19 ha portato molti cambiamenti nelle nostre attività quotidiane presso la Facoltà di Chirurgia dentale dell'Università di Malta. Dopo lo scoppio della pandemia nel marzo 2020, l'amministrazione della facoltà ha iniziato a riorganizzare i nostri protocolli clinici in vista della ripresa delle sessioni cliniche con i nostri studenti. Una delle nostre principali preoccupazioni era come ridurre i potenziali rischi di esposizione per i nostri studenti che si trovano in fasi diverse della formazione. Dopo le discussioni e i consigli delle autorità sanitarie, la facoltà ha introdotto gli aspiratori extraorali TBH da utilizzare in tutte le procedure che generano aerosol.

L'obiettivo era quello di catturare ogni aerosol residuo generato durante le procedure odontoiatriche al punto di origine. Abbiamo scoperto che i dispositivi sono molto efficaci su diversi aspetti: sono molto potenti, ma senza generare un livello di rumore eccessivo. In effetti, una turbina produce più rumore delle unità TBH. Un altro vantaggio che abbiamo riscontrato nelle cliniche è stato che l'unità ha aiutato gli studenti a mantenere una postura corretta durante le operazioni odontoiatriche, in quanto l'unità di aspirazione TBH ha impedito loro di adottare una postura scorretta. I pazienti di qualsiasi età non sono infastiditi dall'unità e alcuni hanno persino commentato che li fa sentire più sicuri. Le collaboratrici odontoiatriche ritengono che le unità di aspirazione non solo garantiscano la sicurezza agli studenti e ai pazienti, ma anche a loro stesse. Le unità richiedono poca manutenzione e sono facili da pulire dopo ogni paziente. I filtri dell'unità vengono cambiati settimanalmente per garantire la massima efficienza.

In conclusione, siamo molto soddisfatti delle unità di aspirazione filtrante TBH e le raccomandiamo vivamente nello studio odontoiatrico.
Dr. Marco Degidi
Dr. Marco DegidiDentista
Leggi Tutto
Credo che la pandemia ci abbia fatto capire quanto sia importante sfruttare tutte le possibilità per migliorare la qualità dell'aria negli studi odontoiatrici, al fine di proteggere noi stessi, il nostro personale e i nostri pazienti.

L'utilizzo di unità di aspirazione filtrante della TBH è un passo fondamentale. Stiamo utilizzando con successo le unità in tutte le nostre sette sale di trattamento".
Dr. Helmut Hahn
Dr. Helmut Hahndermatologo, partner del Centro Skin & Laser di Berchtesgaden e presidente del Congresso DDL, Società Dermatologica Tedesca
Leggi Tutto
In qualità di esperto specialista in medicina laser, consiglio sempre l'acquisto di apparecchiature laser di alta qualità, di un sistema di raffreddamento efficiente e, in particolare, di un moderno sistema di aspirazione per rispettare gli standard di sicurezza vigenti. Spesso si cerca di tagliare i costi, soprattutto quando si tratta di aspirazione: un grave errore, perché i fumi rilasciati durante un intervento laser non sono solo sgradevoli ma anche dannosi per la salute. Contengono particelle cancerogene e infettive, tra cui i virus HPV, che possono causare un papilloma laringeo o un carcinoma laringeo se inalati. L'uso di un'aspirazione adeguata con filtri HEPA H-14 è quindi essenziale per proteggere sia i pazienti che il personale da questi tipi di rischi. Questo investimento non solo ha migliorato in modo significativo la qualità dell'aria nel mio studio, ma ha anche portato a un tasso di malattia sensibilmente inferiore nel team, il che sottolinea la necessità di misure di protezione efficaci.
Precedente
Successivo

Non tutti i sistemi sono adatti ai tuoi processi.

Un esperto dedicato a te. Chiamaci su +49 (0) 7082 9473 0 per avere ulteriori informazioni e richiedere un’offerta individuale.